Lampi di Saggezza

Tag

attaccamento

L’ambizione emotiva

La domanda è: che cosa ci rende felici? Che tipo di azione non porta a risultati indesiderabili? Che cosa dobbiamo fare per essere felici? È questo che dobbiamo indagare con chiarezza. Abitualmente, il nostro stato d’animo può essere di tre… Continua a leggere →

Come sorgono le afflizioni mentali

Lo scopo della meditazione è ottenere le realizzazioni che conducono alla completa cessazione delle afflizioni mentali e dell’ignoranza. Questa cessazione dipende, prima di tutto, dal riconoscimento del carattere, o della funzione, delle afflizioni mentali. Inoltre, è necessario comprendere anche quali… Continua a leggere →

Tutta colpa della torta al cioccolato

L’afflizione mentale che gestisce le nostre vite è l’attaccamento, un senso di insoddisfazione, un bisogno, una sensazione primordiale di mancanza di qualcosa, di incompletezza; il sentirsi sempre un po’ soli, tagliati fuori. Ed è sempre lì, nel profondo del nostro… Continua a leggere →

Che cos’è il Buddhismo?

Quando studiamo il buddhismo stiamo studiando noi stessi, la natura della nostra mente. Invece di concentrarci su qualche essere supremo, il buddhismo si occupa di questioni più pratiche, come ad esempio in che modo vivere la nostra esistenza, come educare… Continua a leggere →

La vera rinuncia/fine

A qualunque livello sociale e culturale, tutti annaspano nel pantano delle proprie allucinazioni: i poveri pensano che i ricchi siano felici, i ricchi disprezzano i poveri, considerandoli dei miserabili. In realtà, entrambe le opinioni sono sbagliate, poiché si basano sulla… Continua a leggere →

La vera rinuncia/2

La meditazione fa emergere la dolorosa natura dell’attaccamento attraverso la scoperta di quelle che sono note come le otto preoccupazioni mondane, esaustivamente esposte nel testo di Lama Tsongkhapa “Gli stadi del sentiero per l’illuminazione”. Attraverso la meditazione analizziamo gli effetti… Continua a leggere →

© 2021 Lampi di Saggezza — Powered by A WordPress.com Website.

Tema di Anders NorenTorna su ↑