Il samsara non è un luna park


Il piacere che gli aggregati psicofisici provano dipende dagli oggetti esterni, ma in realtà qualunque sensazione è solo della natura della sofferenza. Quando incontriamo gli oggetti di senso, li etichettiamo come “piacere”, ma in realtà non sono pura felicità o vero piacere.

Consideriamo il samsara un parco dei divertimenti. Quando i poveri – che lavorano duramente o non hanno una casa e un impiego – guardano i ricchi, pensano che la loro vita sia piacevole. Vedono solo le loro auto, i televisori, le piscine, le aziende, le fabbriche e gli affari e, da fuori, non vedono alcuna sofferenza. Si sentono attratti dalla vita di chi possiede molti beni materiali, amici e conoscenti. I ricchi hanno potere e reputazione e i poveri vorrebbero essere come loro perché da fuori pensano che la loro sia una vita dove non esistono problemi o sofferenze, solo successo e felicità. Ma in realtà non è così. Dal punto di vista materiale i ricchi possono avere un enorme successo, ma non sono felici né liberi dai problemi. La realtà è completamente diversa dalle apparenze.

Anche le persone ricche e potenti – i leader mondiali, gli industriali, quelli che godono di grande fama e reputazione – provano molta sofferenza e hanno tanti problemi, fondamentalmente perché non praticano il Dharma e sono pieni di rabbia, gelosia; la loro mente è perennemente insoddisfatta a causa dell’attaccamento. Vivere così crea molte afflizioni e molti problemi inutili.

Quando c’è disarmonia – molti non ci piacciono e ci criticano – oltre a sperimentare i risultati del nostro karma passato, tendiamo a essere gelosi, arrabbiati, invidiosi e così via e i metodi che derivano da questi atteggiamenti sono sbagliati e creano sempre problemi. Vogliamo felicità e successo, ma poiché il nostro modo di agire e pensare è fondato sull’ignoranza, la rabbia, l’attaccamento, la gelosia, l’orgoglio e così via, ciò che otteniamo è sempre qualcosa che danneggia noi stessi e gli altri. Quindi questo è il solo risultato del nostro atteggiamento negativo.

Oltre a sperimentare il risultato del karma negativo del passato, creiamo anche le cause per sperimentare ulteriori problemi: essere separati dagli oggetti e dalle persone che desideriamo, incontrare e affrontare ciò che non vogliamo, non trovare mai alcuna soddisfazione. E quando ci sentiamo completamente sopraffatti da una situazione disperata che noi stessi abbiamo creato, a volte sorgono pensieri suicida o consideriamo persino la vita degli animali più appagante e migliore della nostra: “Gli uccelli non hanno responsabilità, volano in giro e sono liberi”. E di nuovo vediamo il samsara come un parco giochi. Non ci rendiamo conto di come anche la vita degli altri, animali compresi, sia piena di sofferenza, ma a causa dei nostri problemi, pensiamo che la loro sia piacevole e felice.

Guardiamo i mendicanti che cercano solo qualcosa per sfamarsi: non hanno tutta le nostre responsabilità e preoccupazioni per la famiglia o la reputazione. Non hanno problemi di potere, di concorrenza o da qualsiasi altra natura. Pensiamo che i mendicanti abbiano una vita felice, che siano liberi dai problemi che ci affliggono. Ancora una volta non è altro che un’allucinazione, una nostra proiezione che vede il samsara come un parco giochi. Ma anche i mendicanti, i poveri, hanno le loro sofferenze e i loro problemi.

Finché siamo nel samsara, ovunque guardiamo e qualunque stile di vita prendiamo in considerazione c’è sofferenza, insoddisfazione; se viviamo in campagna, c’è sofferenza; se viaggiamo per vedere il mondo intero, c’è sofferenza; se non viaggiamo, c’è sofferenza; se diventiamo dei contadini e pensiamo: “Oh come è bello, che meraviglia fare i contadini, avere la mia fattoria con gli ortaggi e la frutta che crescono nel mio campo” c’è ancora sofferenza e insoddisfazione.

Finché saremo nel samsara ci saranno sempre preoccupazioni e paure, problemi e incertezze. Qualunque sia il nostro stile di vita ci sarà sempre insoddisfazione e dolore.

Lama Zopa Rinpoche – Tratto e tradotto da Samsara is Not a Pleasure Park

Categories: Lama Zopa RinpocheTags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.